Storia

La nascita

L’Associazione ONLUS “La Forza del Silenzio” prende vita il 14 gennaio del 2008 per iniziativa di Vincenzo Abate e di sua moglie Antonella Puocci, genitori di due gemelli affetti da autismo che insieme ad un gruppo di operatori della riabilitazione composto da professionisti del settore Socio Sanitario e ad altri genitori con figli affetti dallo stesso disturbo, hanno dato una risposta alle carenze del territorio e valorizzato le risorse umane e strutturali del Paese, creando un circuito di ascolto e assistenza al fine di migliorare la qualità di vita dei propri utenti.

La mission

La mission dell’associazione è quella di creare un luogo di ascolto, sostegno e relazione dove trattare l’autismo, e dare voce alle famiglie, ai loro vissuti e alle loro problematiche. Tutto questo attraverso la programmazione di eventi sociali, formativi e di sensibilizzazione del territorio sulla tematica e, soprattutto, offrendo una serie di servizi qualificati e diversificati per rispondere alle specifiche esigenze.

L’evoluzione

Nel 2012 viene assegnato all’Associazione La Forza del Silenzio uno spazio ricavato dalla confisca di due plessi confiscati alla Camorra nel Comune di Casal di Principe (CE) e amministrati dal consorzio Agrorinasce e negli anni, in virtù della continua crescita dell’Associazione, nasce l’esigenza di creare altre compagini: la Soc. Cooperativa “LFS Global care” e la Soc. Cooperativa “La Forza del Silenzio”. Insieme, dietro stipula di un protocollo d’intesa, le tre compagini, collaborano quotidianamente senza fine di lucro allo scopo di garantire servizi mirati all’integrazione sociale tramite la pianificazione di interventi cognitivo-comportamentali (A.B.A.), l’applicazione della tecnica del Parent Training, attività laboratoriali a carattere ludico-educativo, corsi per operatori RBT, seminari e incontri, stesura di proposte di legge sull’autismo, fino all’inserimento lavorativo dei soggetti disabili e molto altro ancora.